categoria comunicati
itenfrdees

Quando la solidarietà premia

 

L’associazione di volontariato InConTra e Ikea Bari hanno attivato dal 1 al 21 ottobre una raccolta di coperte, anche usate, da utilizzare in favore delle classi più deboli nei mesi invernali. Durante questa iniziativa, denominata “ri-scalda la notte”, Ikea ricambia la generosità dei donatori con un buono spesa del valore di 10 euro per ogni coperta pulita e in buono stato.

Grazie alla medesima iniziativa, nel 2011 sono state raccolte circa 3000 coperte usate a cui si sommano altre 400 coperte nuove donate da Ikea. Durante i mesi freddi, le coperte sono state distribuite ogni sera dai volontari di InConTra. Inoltre, in occasione dell’emergenza freddo decretata dal Comune e dalla Provincia di Bari, sono state fondamentali nell’allestimento dei dormitori e, con la collocazione in piazza Moro di un container messo a disposizione dall’azienda mp sistem, è stato possibile distribuirne circa 100 ogni giorno durante il piano “Sos freddo”.

Nel corso dell’iniziativa “ri-scalda la notte”, è possibile consegnare le coperte tutti i giorni, dalle 10 alle 21, presso i box servizio clienti Ikea o, il sabato e la domenica, presso il banchetto allestito dall’associazione InConTra in prossimità delle casse.

 

“Riscalda la notte”

  Ieri sera alle 21 è terminata l’iniziativa “Riscalda la notte”, promossa dall’associazione di volontariato InConTra e da Ikea Bari. Una vera e propria maratona che ha visto i volontari dell’associazione e i dipendenti Ikea uniti per un unico obiettivo: selezionare e raccogliere le coperte che aiuteranno i senza dimora baresi ad affrontare il freddo dell’inverno.

Dal 1 al 21 ottobre, infatti, è stato possibile consegnare una coperta ed avere in cambio un buono Ikea del valore di 10 euro.

Quest’anno le coperte raccolte sono state 2410, senza considerare quelle donate liberamente senza il rilascio alcun buono.

Un sentito grazie, quindi, a tutte le persone che in questi giorni sono salite in macchina ed hanno raggiunto Ikea per permettere questo gesto di generosità, a chi ha portato le coperte in cambio del buono e all’azienda Ikea ed ai suoi dipendenti che continuamente dimostrano una particolare sensibilità verso le problematiche sociali locali.

 

 

Incontra a Capodanno

Si rinnova domenica prossima, 1° gennaio 2012, l’appuntamento con il pranzo di capodanno offerto dai volontari dell’Associazione Incontra ai senza tetto della città, a quanti vivono in condizioni economiche precarie o situazioni di profonda solitudine.

Il pranzo si terrà presso il Pala Martino di via Napoli, 260 (angolo via Brigata Regina - palestra ex Gil).

L’evento è interamente organizzato e gestito da volontari che hanno bisogno dell’aiuto di tutti i cittadini. Chiunque possa offrire cibo (primi piatti, secondi ,frutta, bevande, dolci) è pregato di farlo, coinvolgendo in questa catena di solidarietà anche amici, familiari, conoscenti e commercianti. Questi ultimi, se a chiusura dei propri negozi il 31 dicembre, avessero prodotti invenduti e volessero donarli, potranno farlo anche il giorno seguente presso la sede del pranzo. I volontari dell’Associazione Incontra saranno, infatti, presso il Pala Martino già dalle 9:30 di domenica mattina.

Anche il panettone in più, il cestino di Natale che difficilmente sarà smaltito o qualsiasi altro prodotto saranno doni speciali e tutto quello che dovesse eventualmente avanzare dal pranzo di capodanno, sarà utilizzato per la cena offerta ai senza tetto dai Volontari dell’associazione Incontra, nei giorni seguenti. Qualsiasi prodotto alimentare, ma anche stoviglie di plastica e tovaglioli di carta, sarà gradito, ma non soldi.

Per l’occasione sono stati previsti 400 coperti, prontamente aumentabili al bisogno.

Chiunque volesse, inoltre, può offrire la propria disponibilità ricordando che la circostanza è soprattutto un momento di condivisione, un’occasione per stare insieme (e quindi nessuno sarà costretto a servire a tavola!).

Per ulteriori informazioni e/o contatti, rivolgersi al presidente Associazione Incontra, Gianni Macina - cell. 338 5345870.

 

Con preghiera di massima diffusione.

 

 

Donazione dal carcere 

Dal carcere di Trani è evasa la solidarietà: i Carcerati, in sciopero della fame, hanno devoluto le loro razioni di cibo all’associazione “InConTra”, perché fossero donate ai Senza Fissa Dimora della città di Bari.

Un gesto il loro che stabilisce un ponte fra due drammatiche miserie della nostra società, diverse, che tuttavia, avendo in comune proprio l’anomalia delle loro condizioni abitative, rivolgono un richiamo forte alle nostre coscienze, affinché in ogni luogo si abbia cura almeno della dignità delle Persone, e questo, prima di tutto, sia Casa.

 

Certo, commuove sempre che siano i “deboli” a tendersi la mano, ma questo potrebbe anche farci riflettere sull’autenticità della “forza” di noi altri e sull’uso che facciamo dei nostri privilegi.

Gli amici del carcere di Trani, pur portando il fardello delle proprie colpe, hanno ottenuto che già la loro protesta diventasse risorsa preziosa per qualcun altro, prima ancora che per loro stessi.

 

A questa loro generosità, attenta e costruttiva, va il nostro grazie e a ciascuno di loro il fiducioso augurio che possano e sappiano riprendere al più presto le proprie vite con la sana operosità che questo loro gesto ha rivelato.

 

Bari 31 agosto. 2011

I volontari dell’associazione InConTra

 

Gianni Macina (presidente)

338 53 45 870

 

 

Ps si allega documento ministero della giustizia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 LAssociazione di Volontariato InConTra collassa e chiede aiuto.

La necessità è quella di spazi adeguati per lo stoccaggio e la gestione dei generi alimentari e del vestiario raccolti e destinati ai senza fissa dimora ed alle famiglie indigenti, segnalate dalle pubbliche Istituzioni.

Proprio a Comune e Provincia il presidente dellAssociazione, Gianni Macina, ha inoltrato, e più volte sollecitato, la richiesta di uno spazio da poter destinare a deposito per il passaggio (dai donatori ai fruitori) dei suddetti prodotti, senza ricevere alcun riscontro, tanto da essere arrivati, oggi, al collasso della gestione.

InConTra, pur rappresentando una piccola realtà associativa, garantisce quotidianamente pasti caldi e pacchi viveri ai bisognosi, e fronteggia le grandi emergenze della città, come ampiamente dimostrato anche in frangenti straordinari (ultimo il grande freddo di questo inverno), offrendo assistenza, con cibo e posti letto allestiti in tempi rapidissimi. Questa è una importante garanzia di aiuto operativo alle Istituzioni ed alla città, e sarebbe dannoso alterare il funzionamento di questo sistema solidale a causa di un inconveniente logistico che al momento minaccia seriamente la capacità di soddisfare le numerose esigenze di famiglie ed individui in stato di bisogno, a causa delle disagevoli condizioni logistiche in cui opera lAssociazione.

La richiesta di aiuto è rivolta a chiunque possa mettere a disposizione, a titolo gratuito, una struttura adeguata al deposito di generi alimentari e vestiario, con una superficie di almeno 100 mq2 ubicata al massimo a 10 km di distanza dalla città.

Chiunque possa offrire una soluzione a questa emergenza, può contattate il presidente dellAssociazione, Gianni Macina (338 5345870) a disposizione dei giornalisti, degli operatori di settore e dei cittadini anche domani mattina, in occasione della conferenza stampa indetta dal Comune di Bari, per la presentazione del progetto “Last Minute Market”, alle ore 11 presso la Sala Giunta del Palazzo di Città.

 

Con preghiera di massima diffusione.

 

 

 

InConTra Associazione ONLUS offre, attraverso i suoi volontari di ogni età, un servizio costante di assistenza agli "invisibili" della città: persone senza fissa dimora, immigrati con una sistemazione precaria e nuclei familiari che vivono nel disagio e nella incertezza, non solo economica.

newsletter

Se desideri essere aggiornato sulle attività du InConTra iscriviti alla newsletter.
Con l'invio del modulo si autorizza l'associazione InConTra al trattamento dei dati ai sensi della legge sulla privacy.

contatti

Michele Tataranni

+39-349.667 9173 

 

email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

pec    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

seguici sui social